ETF sostenibili, emissioni record nel primo trimestre

Secondo i dati di Morningstar, nei primi tre mesi dell’anno sono stati lanciati 33 nuovi prodotti ESG, e il trend è destinato a proseguire in particolare nell’ambito dei fondi focalizzati sul clima
27/04/2021 | Paola Sacerdote

E’ in continua crescita l’emissione di indici e ETF sostenibili da parte degli asset manager europei, che come rilevano i dati di Morningstar, ripresi da Ignites Europe, nel primo trimestre 2021 hanno lanciato 33 nuovi strumenti, contro i 29 dello stesso periodo dell’anno scorso.

 

L'intensa attività all'inizio di quest'anno si inserisce in un trend già avviato nel 2020 da parte dei principali emittenti europei, che sempre secondo Mornigstar ha visto Lyxor in testa con il lancio di 18 ETF in Europa, seguita da Amundi e iShares, che hanno lanciato rispettivamente 16 e 13 nuovi fondi sostenibili.

 

Kenneth Lamont, senior analyst per le strategie passive presso Morningstar, ha spiegato a Ignites Europe che “i fornitori si sono affrettati ad espandere la loro gamma di ETF sostenibili sulla scorta dei forti afflussi che l’anno scorso si sono riversati in fondi sostenibili. La vasta gamma di approcci all'investimento sostenibile, combinata con il numero quasi infinito di modi in cui possono essere combinati e abbinati a diversi mercati, classi di attività e stili di investimento, ha alimentato il fuoco dello sviluppo dei prodotti". E questo mentre i manager si stavano preparando per l'introduzione della normativa SFDR dell'UE, entrata in vigore il 10 marzo.

 

Secondo il nuovo regolamento, i provider di fondi devono classificare ciascuno dei loro prodotti in una determinata categoria di sostenibilità, a seconda delle sue caratteristiche. In particolare, i fondi dell'articolo 8 devono avere, tra gli altri obiettivi, caratteristiche ambientali o sociali, mentre i fondi che rientrano nell’articolo 9 devono avere l’investimento sostenibile come obiettivo esplicito.

 

Per quanto riguarda le asset class, uno dei trend che secondo Morningstar è destinato a proseguire è quello della crescita degli strumenti ESG sul reddito fisso. La società di ricerca evidenzia che, su un totale di 88 nuovi ETF sostenibili lanciati nel 2020, 19 sono ETF obbligazionari,  e tutti (tranne tre) focalizzati sul mercato dei bond corporate. Lamont ha aggiunto che nonostante le sfide nell’assegnare un punteggio ESG al debito governativo, si aspetta comunque di vedere una crescita in questo ambito. Sempre nel reddito fisso Morningstar si aspetta inoltre ulteriori lanci di nuovi strumenti nei segmenti delle obbligazioni verdi e sul clima, man mano che questi mercati continuano a maturare.

 

In generale i fondi ESG focalizzati sul clima rimarranno una tendenza nel 2021, così come i fondi tematici che puntano sull'energia pulita o sulle tecnologie per la decarbonizzazione.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.