Banca Generali: ecco 23 nuovi comparti per la Lux IM

Focus su investimenti responsabili, macro-trend ed economia reale
29/09/2021 | Redazione Advisor

Nuove frecce per l’arco dei consulenti di Banca Generali Private. La banca guidata dall’amministratore delegato Gian Maria Mossa ha infatti alzato il sipario su una serie di novità di prodotto che vanno a integrare la gamma d’offerta compresa in Lux Im, la sicav lussemburghese che da inizio anno ha già superato il miliardo di raccolta netta.

Le nuove soluzioni sono 23 e spaziano dal mondo azionario a quello obbligazionario, fino a soluzioni di breve termine pensate per il parcheggio della liquidità. Il tradizionale approccio attivo scelto da Banca Generali viene declinato dai partner nell’asset management nella ricerca di una diversificazione quanto più ampia possibile che spazi tra megratrend, ciclo economico e investimenti sostenibili.

Non manca poi l’ormai naturale vicinanza di Banca Generali all’economia reale, con due linee caratterizzate da comitati tecnico-scientifici che affiancano i team gestionali nell’advisory industriale. Si tratta della Lux IM AI e Data, una strategia sviluppata con l’advisory di Reply e focalizzata sui trend di artificial intelligence e cybersecurity, e della Lux IM ESG New Industrial Trends, un comparto dove un comitato tecnico di stampo industriale ricerca gli investimenti nelle imprese maggiormente attive nel rispetto delle pratiche ESG.

“Abbiamo lavorato a quattro mani con i nostri partner per presentare un nuovo set di soluzioni e consentire ai nostri professionisti di aiutare i clienti ad ottenere rendimenti meno correlati dall’andamento del ciclo economico e dai rischi geopolitici. Il nostro obiettivo è quello di ampliare le possibilità di diversificazione e gestione del rischio nei portafogli della clientela con un’ottica di medio-lungo periodo”, commenta Marco Bernardi, vice direttore generale di Banca Generali.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.