J.Lamarck: il fondo biotech diventa a cinque stelle

Selectra J. Lamarck Biotech ha raggiunto il massimo riconoscimento attribuito da Morningstar
21/09/2017 | Massimo Morici

J. Lamarck è stata premiata da Morningstar con l’attribuzione delle cinque Stelle, il massimo riconoscimento, alla classe C denominata in dollari del comparto Selectra J. Lamarck Biotech, che ha recentemente raggiunto i 3 anni di vita. Il comparto è stato lanciato a giugno 2014 con l’obiettivo di trarre profitto da un aumento dei prezzi azionari nel settore biotecnologico a livello mondiale. Il portafoglio modello è costituito da aziende biotech mature e da società con un’interessante pipeline di prodotti in sviluppo in un unico o numerosi mercati.

La politica di investimento seguita consente al fondo di incrementare il rendimento complessivo attraverso una selezione attiva dei titoli delle imprese che offrono la piattaforma tecnologica più promettente. Morningstar assegna il rating in modo quantitativo valutando la performance passata del fondo basandosi sul calcolo dei rendimenti corretti per il rischio e sui costi su un orizzonte temporale di tre, cinque e dieci anni: l’analisi, in particolare, premia rendimenti regolari nel tempo rispetto a grandi guadagni e clamorose perdite presumendo che l’investitore sia avverso al rischio.

Eugene Hardonk (nella foto), presidente della società, ha dichiarato: “Le cinque stelle Morningstar sono un grande vanto per noi che ci occupiamo di biotech dal 1996. Riconoscono, tra l’altro, la possibilità di coniugare le grandi potenzialità offerte dall’investimento in biotecnologia con il controllo del rischio”. "Siamo orgogliosi del riconoscimento attribuito da Morningstar. È il rating più elevato possibile e premia il nostro processo d’investimento, che valuta accuratamente i titoli del settore, frutto dell’expertise di J. Lamarck" aggiunge Marco Cipolla, managing director di Selectra Management Company.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.