Algebris Investments entra nel mercato dei PIR

La casa di investimenti rafforza il team con la nomina di Luca Mori a specialista dell'azionario italiano
16/10/2017 | Massimo Morici

Algebris Investments entra nel mercato dei Piani Individuali di Risparmio (PIR) con il lancio di Algebris Core Italy Fund, un comparto di Algebris UCITS Funds. Il fondo - si legge in una nota - investirà primariamente in titoli obbligazionari e azionari di società italiane, focalizzandosi sul segmento small e mid-cap del mercato. Lo split obbligazionario/azionario sarà gestito in ottica opportunistica e inizialmente sarà pari a 70/30. La casa di investimenti ha nominato Luca Mori quale specialista di azionario italiano, per ampliare le credenziali della società nel mercato azionario domestico. Mori rafforzerà le competenze d’investimento di Algebris, offrendo supporto di ricerca alla gestione del fondo e riporterà a Davide Serra, a.d. e fondatore di Algebris. Lavorerà con Mori anche Federica Bombelli, analista in ambito azionario italiano.

Davide Serra ha commentato: "Il lancio di Algebris Core Italy Fund rappresenta una tappa molto importante per Algebris Investments. Sin dalla nascita, la società ha avuto una forte presenza in Italia, insieme a una base d’investitori solida e fedele. Vogliamo ora investire e contribuire alla ripresa economica del paese. I PIR rappresentano un’opportunità straordinaria per i risparmiatori italiani e vogliamo offrire loro una soluzione interessante, prezzata in modo equo, per partecipare alla crescita dell’Italia attraverso investimenti in aziende di prima qualità”. Luca Mori ha aggiunto: "Sono entusiasta di iniziare a lavorare con il team Algebris, integrando le competenze di prim’ordine in finanziari e credito macro con idee d’investimento nuove e interessanti nello spazio azionario italiano. Il quadro economico e politico italiano, unito al rafforzamento del sistema finanziario, offre prospettive promettenti per sostanziali rivalutazioni, specialmente nel settore delle piccole e medie imprese. I PIR avranno un ruolo chiave, perché faciliteranno l’accesso delle aziende a finanziamenti dal mercato dei capitali e incanaleranno una liquidità nel sistema senza precedenti”. Il fondo punta a un intervallo di volatilità compreso fra il 6 e l’8% e a generare rendimenti annualizzati del 5%.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.