Pictet AM: al via il nuovo fondo tematico sulle smart city

Il nuovo comparto azionario globale avrà esposizione sull’intera catena del valore delle “città intelligenti” del futuro
04/09/2018 | Massimo Morici

Si chiama Pictet - SmartCity ed è l’ultimo nato della famiglia di prodotti azionari tematici di Pictet Asset Management, che gestisce 42 miliardi di dollari e comprende già, fra gli altri, fondi specializzati in comunicazioni digitali, sicurezza, sanità, acqua, biotech, nutrizione, sostenibilità ed energie pulite. Il nuovo comparto avrà esposizione sull’intera catena del valore delle "città intelligenti": la costruzione e lo sviluppo delle città (design, pianificazione e costruzione delle città del domani, con un focus su efficienza e sostenibilità); la gestione delle città (infrastrutture e servizi essenziali per il funzionamento giornaliero); il vivere urbano (servizi e soluzioni per il vivere urbano del 21° secolo, tra cui l’abitazione, l’alimentazione e le attività ricreative).

Conforme alla normativa UCITS, il comparto si prefigge quindi di ottenere una crescita del capitale a lungo termine investendo nelle imprese di tutto il mondo che stanno contribuendo allo sviluppo delle città del domani. Le società target, in particolare, saranno attive principalmente, ma non esclusivamente, nella mobilità e trasporti, infrastrutture, immobiliare, gestione delle risorse sostenibili (ad esempio efficienza energetica o gestione dei rifiuti) nonché nelle tecnologie abilitanti e servizi a supporto dello sviluppo di città intelligenti e sostenibili.

Il gestore della strategia è Ivo Weinöhrl, CFA, senior investment manager, supportato da Lucia Macaccaro, investment manager. Il team adotterà l’ormai consolidato processo di gestione attivo applicato a tutte le strategie tematiche di Pictet Asset Management con portafogli high convinction composti da imprese particolarmente esposte verso questo tema.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.