PIR, a ottobre raccolta in profondo rosso

Secondo i dati dell’Osservatorio di Plus24 si è chiuso il mese peggiore dell’anno, con deflussi per 126 milioni di euro
23/11/2020 | Paola Sacerdote

Prosegue anche a ottobre la serie negativa per la raccolta dei piani individuali di risparmio, che secondo i dati dell’Osservatorio PIR di Plus24, l’inserto de Il Sole 24 Ore, ha chiuso in rosso per il quinto mese consecutivo, e con il dato peggiore dell’anno, segnando deflussi per 126 milioni di euro.

 

Con questo dato negativo il bilancio dei PIR da inizio anno diventa pesante: come rileva il quotidiano finanziario, sommando il dato ufficiale di Assogestioni, che da gennaio a settembre registra un rosso di 353 milioni di euro, al dato stimato dell’Osservatorio relativo al mese di ottobre, il saldo negativo da inizio anno si avvicina a 480 milioni di euro.

 

In contrapposizione ai dati negativi relativi alla raccolta, i dati sulle performance sono invece positivi, almeno quelli calcolati da inizio 2019: in questo arco temporale infatti, tutti i prodotti analizzati hanno generato rendimenti positivi. In testa alla classifica si posiziona ancora Anthilia Small Cap Italia, con +50% (+23,3% da inizio 2018), seguito da Symphonia azionario small cap Italia, che da inizio 2019 mette a segno un rendimento del 29,54% (+10% dal 2018) e da Arca Economia Reale Equity Italia con una rivalutazione del 28,2% (+11% da inizio 2018). In  fondo alla classifica delle performance troviamo invece Euromobiliare Pir Italia Flessibile (+3,4% da inizio 2019, -1,6% dal 2018) e Lendersel Pmi (+3,8% dal 2019, -8,25 dal 2018).

 

In termini di raccolta, quasi nessuna delle società analizzate dall’Osservatorio è riuscita a chiudere il mese di ottobre con un dato positivo, e per quelle poche gli afflussi non arrivano neanche a 500.000 euro. Il bilancio, rileva ancora l’Osservatorio, è particolarmente negativo per le società leader del settore dei piani di risparmio, ovvero Mediolanum, che ha registrato deflussi per 34,6 milioni,  Amundi (-31,8 milioni) ed Eurizon (-23,4 milioni).

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.