Fondi in Europa: ecco le categorie più vendute

Nella classifica di Refinitiv relativa al mese di ottobre emerge che gli investitori hanno privilegiato sia i fondi monetari ma anche quelli più "rischiosi"
01/12/2020 | Marcella Persola

Ottobre è stato un altro mese positivo per l'industria europea dei fondi comuni. Così emerge dall'ultimo report di Refinitivi che analizza l'industria dei fondi comuni europei e dal quale si evince che gli afflussi non hanno risentito dell'incertezza caratterizzata dall'emergere della seconda ondata del virus. Anzi come evidenzia Detlef Glow, Lipper Head of EMEA Research  "Nonostante questi timori, gli investitori hanno acquistato attività di rischio, in quanto i fondi a lungo termine hanno goduto di un afflusso netto stimato di 51,9 miliardi di euro, mentre i prodotti del mercato monetario avevano un afflusso stimato di 17,8 miliardi di euro".

 

I fondi del mercato monetario sono stati la categoria di fondi con il secondo maggiore afflusso del mese (+17,8 miliardi di euro). In linea con i loro omologhi gestiti attivamente, gli ETF che investono in strumenti del mercato monetario, hanno contribuito alla raccolta netta stimata per  0,1 miliardi di euro sul totale. Questo andamento dei flussi ha portato a una stima della raccolta netta complessiva di 69,6 miliardi di euro per il mese di ottobre e a una stima complessiva di 376,5 miliardi di euro da inizio anno.

 

Tra le categorie dei fondi a lungo termine le più premiate sono state Equity Global (+9,0 miliardi di euro), seguito da da Equity UK (+7,7 miliardi di euro). Equity USA (+€6,4 miliardi), seguito da Bond Global EUR (+3,1 miliardi di euro) e Equity China (+2,6 miliardi di euro). All'altro estremo Alternative Multi Strategies (-1,9 miliardi di euro) che ha subito i maggiori deflussi netti nel segmento dei fondi a lungo termine, con anche Bond Eur Corporates (-1,9 miliardi di euro), Alternative Global Macro (-1,2 miliardi di euro), Equity Eurozone (-1,1 miliardi di euro) e Equity Global Income (-0,9 miliardi di euro).

 

Tra gli asset manager si sono distinti: BlackRock (+16,0 miliardi di euro) al primo posto, davanti ad Aviva (+6,2 miliardi di euro), DWS Gruppo (+4,6 miliardi di euro), BNP Paribas Asset Management (+4,2 miliardi di euro) e AXA (+4,2 miliardi di euro). È degno di nota il fatto che gli afflussi di Aviva (+5,1 miliardi di euro) e di BNP Paribas Asset Management (+3,2 miliardi di euro) hanno risentito dei flussi verso i fondi del mercato monetario.

 

Considerando le singole asset class BlackRock (+2,6 miliardi di euro) ha primeggiato come collocatore di fondi obbligazionari, seguito da Eurizon Capital (+1,5 miliardi di euro), AXA (+1,1 miliardi di euro), ASR Bank (+1,1 miliardi di euro) e Fidelity International (+0,9 miliardi di euro). Anche sul fronte equity BlackRock (+2,6 miliardi di euro) guida la classifica, seguito da ASR Bank (+1,4 miliardi di euro), JPMorgan (+1,1 miliardi di euro). Capital Group (+1,0 mld) e Morgan Stanley (+1,0 mld). Mentre ING (+1,4 miliardi di euro) è stato il primo tra coloro che collocano fondi misti in Europa, seguito da Vontobel (+1,2 miliardi di euro), Danske (+1,2 miliardi di euro), Swisscanto (+0,8 miliardi di euro) e Flossbach von Storch (+0,6 miliardi di euro).

 

Tra i fondi il più venduto risulta BlackRock ACS US Equity Tracker X1 GBP L'Acc (+8,6 miliardi di euro).

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.