Kairos integra i criteri ESG con il lancio di un nuovo fondo

Il KIS Active Bond ESG è uno dei primi fondi ESG flessibili obbligazionari presenti sul mercato italiano
03/12/2020 | Lorenza Roma

Kairos integra flessibilità e ESG con il lancio del KIS Active Bond ESG, un fondo che investe principalmente in obbligazioni corporate che rispettano logiche ESG e in Financial, Green e Sustainability Bond, sfruttando una strategia totalmente flessibile nel mondo obbligazionario, con un focus sul mercato corporate europeo.

 

Il comparto di Kairos International SICAV di diritto lussemburghese denominato in euro, è una delle prime offerte ESG flessibili obbligazionarie presenti sul mercato nazionale, con una parte core del portafoglio rappresentata dalle obbligazioni corporate ESG. Nell’attività di stock picking, il prodotto seleziona, almeno per il 90%, titoli che rispettano criteri di sostenibilità e che hanno ottenuto un punteggio ESG elevato secondo Sustainalytics, fornitore di dati indipendente, leader globale nella ricerca e nelle valutazioni ESG e Corporate Governance. La nuova soluzione risponde quindi all’esigenza di chi desidera indirizzare i propri investimenti verso il tema della sostenibilità e dell’investimento responsabile.

 

L’obiettivo principale del KIS Active Bond ESG è offrire agli investitori un prodotto con un efficiente rapporto rischio/rendimento con particolare attenzione alla salvaguardia del capitale nel medio periodo. La costruzione dell’asset allocation è guidata da un’ampia diversificazione e dalla  minimizzazione della correlazione tra le posizioni in essere; inoltre il monitoraggio continuo dei titoli consente correzioni immediate al portafoglio.

 

“Con il KIS Active Bond ESG, Kairos conferma il suo impegno nell’integrare i criteri Esg nelle scelte e nei processi di investimento, anche nel mondo obbligazionario. Sono convinto che le società che rispettano i criteri ESG risulteranno più affidabili anche dal punto di vista del credito, con ripercussioni positive sulle performance nel medio termine”, ha dichiarato Rocco Bove, head of fixed income di Kairos. “Senza contare che l’emissione globale di Green Bond è cresciuta già nel 2019 del 40% rispetto al 2018, ed è in costante aumento. La BCE ha inserito, infatti, recentemente i Green Bond nelle operazioni di rifinanziamento e acquisto, e questo porterà senza dubbio il Sustainable e il Green Bond Market ad una crescita esponenziale nel corso dei prossimi mesi. In tempi di volatilità dei mercati, ritengo che gli investimenti sostenibili siano in grado di portare un impatto positivo sui ritorni dei portafogli dei nostri clienti e allo stesso tempo sull’economia reale, unendo quindi ai vantaggi economico finanziari quelli ambientali e sociali”. 

 

“L’offerta del nostro laboratorio di idee di investimento, che nell’ultimo anno ha prodotto tre fondi azionari Esg - KIS ActivESG, KIS US Millennials ESG e KIS Climate Change ESG - si arricchisce di un fondo flessibile che investe nel mondo obbligazionario e che punta a fornire un rendimento assoluto positivo, salvaguardando il capitale degli investitori nel medio periodo”, ha aggiunto Guido Brera, CIO asset management di Kairos Partners SGR. “La consolidata expertise nell’analisi e nella selezione di titoli, unita alla ultradecennale conoscenza dell’intera struttura del capitale degli emittenti e alla forte specializzazione su categorie di obbligazioni corporate ad alto rendimento, ci rendono tra i gestori più qualificati nel mondo fixed income”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.