M&G lancia un fondo sostenibile sui prestiti senior secured

La strategia applica una selezione dei titoli bottom-up basata su fondamentali per fornire e proteggere un elevato reddito corrente, insieme all'attenzione rigorosa alle caratteristiche di gestione del rischio ESG
04/10/2021 | Redazione Advisor

M&G lancia una nuova strategia che consentirà agli investitori di ottenere una maggiore esposizione alle società nel segmento del credito privato con le migliori caratteristiche ambientali, sociali e di governance (ESG) che pongono un’enfasi particolare sulla sostenibilità.

 

L’M&G Sustainable Loan Fund, gestito da Fiona Hagdrup e Thomas Lane, unisce i 22 anni di esperienza di M&G nel segmento degli investimenti in prestiti privati alle risorse in materia di Sostenibilità & Stewardship interne alla company per offrire agli investitori un’esposizione ai prestiti di aziende con solide credenziali ESG, all’interno di un mercato globale che vale 1.500 miliardi di dollari.

 

Il fondo applica una selezione dei titoli bottom-up basata su fondamentali per fornire e proteggere un elevato reddito corrente, insieme all'attenzione rigorosa alle caratteristiche di gestione del rischio ESG. Punterà a investire principalmente in prestiti garantiti senior, titoli a tasso variabile e obbligazioni di società sub-investment grade in tutto il mondo che soddisfano i criteri di rischio/rendimento di M&G, vale a dire un'elevata qualità del credito soggetto a requisiti minimi di rating e ritenuti “best in class” dal punto di vista ESG. Il fondo investe a livello globale per contribuire a garantire una serie di opportunità diversificate e mira ad essere ben diversificato tra aree geografiche e settori, nel rispetto dell’attenzione posta alla sostenibilità.

 

L’M&G Sustainable Loan Fund include un obiettivo di sostenibilità esplicito, per misurare e mitigare proattivamente i rischi ESG e perseguire le opportunità ESG. Per essere ammesso, infatti, ogni investimento deve superare una soglia di punteggio ESG interno, secondo il sistema di scoring proprietario di M&G; un programma di engagement aziendale e proprietario dimostrabile; un reporting e un monitoraggio espliciti. Il fondo punterà a investire in strumenti classificati come sostenibili, tra cui prestiti e obbligazioni verdi, sociali, sostenibili, legati alla sostenibilità, i cui proventi sono utilizzati per uno scopo ambientale o sociale specifico. Il fondo è conforme all'articolo 8, secondo la Sustainable Finance Disclosure Regulation (SFDR) dell'UE.

 

Fiona Hagdrup, gestore dell’M&G Sustainable Loan Fund, ha commentato: “Questa strategia si focalizza sugli elementi attivi dell’investimento in prestiti privati. Desideriamo incentivare la spinta alla sostenibilità anche all’interno di una asset class meno avanzata rispetto a quella delle azioni quotate o delle obbligazioni pubbliche per innescare un cambiamento più rapido. La nostra rete di relazioni e partnership con le associazioni di categoria e gli organismi impegnati nelle azioni per il clima e che rispettano i criteri ESG ci consentirà di promuovere attivamente una maggiore divulgazione dei fattori di rischio ESG e una migliore gestione. Miriamo a incoraggiare società e sponsor ad assumere obiettivi di sostenibilità ambientali e sociali nel breve, medio e lungo termine.”

 

Will Nicoll, cio of private & alternative assets di M&G, ha dichiarato: “Per natura, i prestiti privati favoriscono una partecipazione attiva grazie alla relazione diretta che intercorre con il mutuatario. Inoltre, la frequenza delle interazioni facilita l’engagement, che dovrebbe innescare il cambiamento positivo all’interno dell’asset class. Un numero crescente di investitori e grandi fondi pensione chiede che considerazioni di sostenibilità e reporting ESG siano incorporati nelle strategie, accanto ai rendimenti finanziari. Il nostro fondo è concepito per rispondere a questa esigenza, facendo leva sull’energia positiva dell’engagement.”

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.