avatar

30/10/2020

Lusso, il marchio Tiffany è l'ideale per LVMH

di Daniele Riosa

Highlights
  • Swetha Ramachandran di GAM luxury brands equity fa un bilancio dell’accordo tra le due società e traccia le prospettive per il settore nei prossimi mesi
La News

“LVMH e Tiffany sembrano aver fatto pace dopo che LVMH ha tenuto fede alla sua offerta di acquisto di Tiffany, ma ad un prezzo leggermente ridotto (uno sconto del 2,6%, per l'esattezza) pari a US$ 131,50 per azione rispetto al prezzo dell'offerta originale di US$ 135 per azione - risparmiando alla società US$ 425 milioni. Questa è la soluzione più pragmatica e conveniente, considerando che l'alternativa era che entrambe le società avviassero un procedimento legale”. Come spiega Swetha Ramachandran, Investment Manager del fondo GAM luxury brands equity di GAM, “l'accordo dovrebbe chiudersi all'inizio del 2021 e con tutte le approvazioni regolamentari ora concesse, ci aspettiamo che ciò possa avvenire abbastanza rapidamente nel nuovo anno. La revisione del prezzo delle azioni aumenta in qualche modo l'incremento degli utili derivanti dall'operazione per LVMH - di circa 50-75 punti base, in funzione di un aggiornamento delle prospettive della società”.

È stato davvero un affare? “Resta il dubbio – risponde l’esperta - che la determinazione del signor Arnault ad ottenere uno sconto rispetto al prezzo dell'offerta pre-Covid possa costare a LVMH la possibilità di raggiungere nuovi accordi in un settore altamente frammentato e caratterizzato da una significativa percentuale di aziende a conduzione familiare ,soprattutto se si considera la natura trascurabile dello sconto ottenuto. Riteniamo che questo sia improbabile in quanto: (1) LVMH è ancora il principale consolidatore del settore - con la sua scuderia di 76 marchi, che eclissa di gran lunga i suoi concorrenti; (2) lo sconto sembra essere stato richiesto in linea di principio, probabilmente a causa della preoccupazione per il pagamento a ruota libera di dividendi da parte di Tiffany ai suoi azionisti nel corso di quest'anno (pari a 210 milioni di dollari USA, circa la metà dello sconto ottenuto), mentre il resto del settore ha congelato o sospeso del tutto i pagamenti per preservare la liquidità in un momento di incertezza; (3) LVMH è sulla buona strada per concludere l'operazione - e nella sua storia non si è mai allontanata da un'operazione a meno che non le sia stato chiesto di farlo (come nel caso di Hermes, dove la famiglia si è opposta all’accumulo di azioni della società e ha costretto LVMH a cederle)”.

Di conseguenza l’analista crede "che questo piccolo smacco reputazionale sarà presto dimenticato, sullo sfondo di un anno decisamente insolito. Tiffany non ha mai smesso di brillare. Indipendentemente da come siamo arrivati qui, manteniamo la nostra opinione che il marchio Tiffany sia l'ideale per LVMH e crediamo che l'azienda sia emersa da Covid-19 una relativa vincitrice in un ambiente in cui i marchi di fiducia stanno avendo successo tra i consumatori e la sua crescita in Asia, e in Cina in particolare, sta superando di gran lunga le aspettative di quest'anno. Il giorno in cui LVMH ha annunciato i risultati del terzo trimestre, Tiffany ha rilasciato una dichiarazione non programmata sull'andamento delle vendite nei mesi di agosto e settembre, che veniva indicato come ‘leggermente in calo’ nei due mesi, con un andamento positivo delle vendite che è proseguito in ottobre, in anticipo sulle aspettative. Gli utili sono attesi in crescita del +25% nell'ultimo trimestre”.

La traiettoria di ripresa della società “ci conferma che Tiffany rimane un asset di grande attrattiva, in particolare rispetto alla tipologia di consumatore chiave, il millennial cinese, con una significativa crescita a doppia cifra registrata nella Cina continentale. È molto probabile che Kering e Richemont saranno i prossimi a partecipare a una qualche forma di consolidazione settoriale, il bilancio di Kering ha una notevole potenza di fuoco e l'azienda ha parlato della sua volontà di espandersi in settori come Beauty ed Eyewear mentre Richemont ha un problema di successione in arrivo nei prossimi anni. Nel soft luxury, nessun marchio ha una quota di mercato superiore al 5%, nonostante una percezione generale dell'ubiquità dei mega-brand”.

“Tale è la natura della coda lunga, alcuni dei quali stanno uscendo organicamente dal settore, con la grande porzione di marchi per cui è possibile questa opzione che probabilmente si consoliderà nel medio termine. Ci aspettiamo che le aziende del settore ricche di liquidità e che si sono preparate per questa fase porteranno a un aumento dell’attività di M&A nei prossimi 6-12 mesi”, conclude Swetha Ramachandran.

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:

PENSATI PER TE:

ISCRIVITI

Iscriviti qui alle newsletter, inserendo il tuo indirizzo e-mail: