Europa: il mercato degli alternativi è pronto per una ripresa

Dopo un 2020 negativo, ci si aspettano risultati migliori grazie alla promessa di rendimenti non correlati. A dirlo è un recente studio firmato da Cerulli Associates
10/12/2020 | Redazione Advisor

Il mercato dei fondi alternativi in Europa è pronto per una ripresa. Nonostante le prospettive a breve termine rimangano a oggi pessimistiche, si prevede che la promessa di rendimenti non correlati aumenterà la domanda a medio termine poiché gli investitori diversificano i loro portafogli. A dirlo è un recente studio firmato da Cerulli Associates.

 

"I nuovi flussi netti di alternativi liquidi in Europa saranno probabilmente negativi per il secondo anno consecutivo nel 2020, anche se si prevede che i nuovi deflussi netti si modereranno nell'ultima parte dell'anno", afferma Andrius Dovydavicius, analista di ricerca del team istituzionale europeo presso Cerulli Associates.

Tuttavia, Cerulli ritiene che la maggiore trasparenza fornita dagli alternativi liquidi, il calo dei livelli delle commissioni e la promessa di rendimenti non correlati stimoleranno la domanda a medio termine poiché gli investitori diversificheranno i loro portafogli. Inoltre, la crisi del COVID-19 porterà a una maggiore dislocazione nei mercati finanziari, creando opportunità per i gestori alternativi liquidi.

 

Le attività legate agli alternativi liquidi in Europa ammontavano a 356 miliardi di euro (431 miliardi di dollari) alla fine di settembre 2020, con un calo del 15% dall'inizio dell'anno. I deflussi netti hanno superato i 21 miliardi di euro nell'anno, anche se i prelievi sono diminuiti significativamente a 1 miliardo di euro nel terzo trimestre.

 

C'è un dato da sottolineare secondo Cerulli. Sebbene, in media, gli alternativi liquidi siano andati meglio degli investimenti tradizionali durante il mercato ribassista di marzo, la rapida ripresa dei mercati finanziari ha lasciato le alternative liquide a fornire prestazioni inferiori rispetto agli investimenti tradizionali.

 

Cerulli consiglia ai gestori di rivalutare i loro scaffali di prodotti alternativi liquidi, chiudendo i fondi che non sono riusciti a fornire valore agli investitori. I manager dovrebbero anche incorporare fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) nel loro processo di investimento. I fondi alternativi liquidi ESG hanno ottenuto risultati migliori rispetto al settore globale delle alternative liquide.

“Crediamo che il settore si stabilizzerà. Tuttavia, per avere successo, i gestori dovranno adattarsi alle mutevoli preferenze degli asset allocator ”, afferma Dovydavicius.

 

Secondo l'Alternative Investment Management Association, il 53% dei gestori europei sta cercando di ottimizzare il proprio uso degli strumenti digitali e il 22% sta cercando di migliorare la trasparenza e la rendicontazione del rischio dei fondi sottostanti.

In conclusione, i manager dovrebbero essere pronti a offrire concessioni tariffarie. Secondo la ricerca Cerulli, circa il 23% degli investitori istituzionali europei prevede di negoziare sconti sulle commissioni di gestione o di performance superiori per i propri investimenti in hedge fund nel 2019.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.