avatar

13/01/2022

Microcredito messo al centro della ripartenza economica

di Daniele Riosa

Highlights
  • Trani (Mikro Kapital): “La nuova Legge di Bilancio 2022 ha rappresentato una ventata di novità sotto molti punti di vista tra cui l’ampliamento delle opportunità di accesso al settore”
La News

“La nuova Legge di Bilancio 2022 ha rappresentato una ventata di novità sotto molti punti di vista”. Secondo Vincenzo Trani, presidente di Mikro Kapital, l’attenzione dell’opinione pubblica si è concentrata soprattutto su alcuni aspetti innovativi della normativa, ma uno di essi, per quanto di fondamentale importanza, è stato parzialmente trascurato: l’ampliamento delle opportunità di accesso al microcredito”.

“In Italia - constata l’esperto - si sta facendo molto per spingere la ripresa economica, supporto fondamentale soprattutto in una fase in cui ancora è forte l’incertezza legata al Covid e alle sue molteplici varianti. Ecco perché riteniamo quanto mai puntuali le innovazioni introdotte sul fronte della piccola imprenditoria, da sempre la spina dorsale del sistema economico e produttivo italiano. Le PMI in Italia sono 160mila, con un fatturato complessivo di oltre 1 miliardo di euro, 247 milioni di euro di valore aggiunto e 4,5 milioni di addetti. Esse rappresentano il cuore del tessuto economico del nostro paese. Nel 2020, il settore ha subito un brusco calo del fatturato - del 12,2% - e, nonostante un forte rimbalzo nel 2021 stimato all’11,8%, il recupero sarà parziale segnando un -3% rispetto al fatturato aggregato del 2019. Nel 2020, il 25,2% delle imprese ha avuto una marginalità negativa; circa la metà di esse ha potuto contare sulla liquidità interna per appianare le perdite; le restanti, chi ha avuto la possibilità di accedervi, hanno attivato moratorie o finanziamenti garantiti a tassi agevolati”.

L’economista precisa che “entrando nel dettaglio della nuova normativa, essa prevede un ampliamento significativo della possibilità di accesso al microcredito da parte dei piccoli imprenditori, già attivi o che stanno per intraprendere la propria attività. In particolare: Il limite massimo dei finanziamenti ottenibili è stato alzato da 40mila a 75mila euro per i privati e fino a 100mila euro per le Srl. Possono usufruire di microcredito non più solo le Srl semplificate ma anche le Srl più in generale (a fine 2020 le Srl semplificate erano circa 290.000, mentre le Srl erano 1,7 milioni a fine 2019). Vi è stato un significativo allargamento delle finalità: non più solo il caso di avvio di attività d’impresa o di inserimento nel mondo del lavoro, ma ora anche chi è già in attività da tempo potrà richiedere un finanziamento. La durata massima del finanziamento è stata spostata da 7 a 15 anni".

“In altre parole - prosegue l’analista - il regolatore ha capito l’importanza del microcredito per la ripartenza economica, agendo di conseguenza. È innegabile come sia fondamentale che in una fase iniziale di ripresa economica, come quella che si sta affacciando all’orizzonte nonostante tutte le incertezze del caso, la più ampia platea possibile abbia la possibilità di coglierne il momento e i benefici".

"Dal nostro punto di vista, quello di operatori del microcredito con una pluridecennale esperienza, quello che possiamo fare è mettere tutto il nostro know-how al servizio delle micro e piccole imprese per garantire il servizio di assistenza finanziaria più idoneo in base alle differenti situazioni e necessità”, conclude Trani.

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:

PENSATI PER TE:

ISCRIVITI

Iscriviti qui alle newsletter, inserendo il tuo indirizzo e-mail: