Advertisement
avatar

16/03/2016

Bufi al Senato: "Necessario introdurre il tied agent persona giuridica"

di

Highlights
  • Formazione e aggiornamento professionale: riconoscere anche il ruolo delle iniziative intraprese a livello associativo
La News

Ampliare le modalità di formazione e aggiornamento professionale destinate ai consulenti finanziari riconoscendo anche il ruolo delle iniziative intraprese a livello associativo e trasporre nell’ordinamento italiano la figura dell'agente collegato MiFID (tied agent) in forma di persona giuridica. Sono le proposte fatte ieri da Maurizio Bufi (nella foto), presidente dell’Anasf, durante un’audizione alla 6°Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica.

Bufi ha ricordato ai senatori che l’introduzione in Italia dell’agent collegato Mifid in forma giuridica permetterebbe "la costituzione di società tra consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede, le quali riceverebbero mandato da un intermediario finanziario abilitato". La formula societaria permetterebbe infatti "la condivisione tra i singoli consulenti, oltre che di mezzi e supporti organizzativi, anche di competenze ed esperienze, in una misura certamente superiore rispetto a quanto già oggi avviene nell’ambito di soluzioni organizzative meno strutturate come i team aziendali)".

Nella società tra consulenti, inoltre, il singolo professionista "avrebbe inoltre la possibilità di specializzarsi su determinate linee di servizio, nonché su specifiche fasce di clientela, giungendo così a un arricchimento delle soluzioni offerte agli investitori". La formula societaria, ha concluso Bufi, "potrebbe favorire l’inserimento dei giovani tramite l’affiancamento da parte di figure più esperte, rispondendo in tal modo a quelle esigenze di ricambio generazionale della nostra professione ormai da tempo sostenute da Anasf".

A fine dicembre 2015 il patrimonio affidato alle reti ha raggiunto il valore record di 434 miliardi di euro, corrispondenti a circa l’11% delle attività finanziarie delle famiglie italiane, il 73% del quale è in vestito in prodotti di risparmio gestito: fondi comuni di investimento, sicav, gestioni patrimoniali individuali, prodotti assicurativi e previdenziali.

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:
  • ConsulenTia, Bufi pensa già all
    26/02/2016 ConsulenTia, Bufi pensa già all'edizione 2017 Il presidente punta a replicare il successo di quest'anno: +40% di visitatori. Enasarco e Albo unico sono stati i temi al centro dell'ultima riunione del comitato esecutivo.
  • Consob e controlli sui promotori: i distinguo dell
    22/02/2016 Consob e controlli sui promotori: i distinguo dell'Anasf Le prassi rilevate tra le reti sono delle buone pratiche che, in una prospettiva di effettiva parità di regole tra operatori e di rafforzamento delle tutele per i risparmiatori, andrebbero applicate anche dalle altre realtà
  • Non controllate solo i promotori finanziari
    18/02/2016 Non controllate solo i promotori finanziari Auspico che le misure di controllo a cui sono sottoposti i professionisti iscritti all'Albo vengano adottate anche per tutti gli altri operatori del settore.
  • Consulenti & "persona giuridica": non una minaccia, un’occasione per le reti
    16/02/2016 Consulenti & "persona giuridica": non una minaccia, un’occasione per le reti L’apertura dell’ordinamento italiano alle società tra consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede rappresenta un’opportunità di innovazione e sviluppo per tutto il settore

Le ultime da Advisor Professional

Fidelity: ecco come mettere al sicuro i portafogli nei mesi estivi

Le vacanze estive sono alle porte. Oltre a pensare a cosa mettere in valigia per la partenza, è importante che chi investe, a fronte delle fasi di ...

Continua a leggere...