avatar

04/08/2016

Real Estate, mattone inglese in fermento

di Stefania Pescarmona

Highlights
  • Le conseguenze di Brexit sul mercato immobiliare, tra rischi e nuove opportunità
La News

In prima battuta, il voto su Brexit ha prodotto i suoi effetti direttamente sulla sterlina. Dopo il voto inglese del 23 giugno a favore dell'uscita dalla Ue, però, anche il mercato immobiliare è finito inevitabilmente nel mirino, fronteggiando un calo del valore dei patrimoni immobiliari e lo spostamento di una parte dell’interesse degli investitori dal Regno Unito ad altri Paesi europei.

 

Secondo un sondaggio realizzato da Scenari Immobiliari, oltre tre quarti degli intervistati ritiene che questi fattori possano comportare un aumento degli investimenti “opportunistici” a breve termine nel Regno Unito. Più contraddittorie, invece, sul lungo termine: di fatto per valutare gli effetti reali sarà necessario attendere la fine dei due anni di transizione, essendo fortemente legati al modo in cui verrà negoziato il processo di uscita dall’Unione Europea.

 

In questo contesto, i fondi immobiliari sembrano aver registrato la maggior attenzione. Su questo segmento, infatti, si sono concentrati i riscatti e molti investitori sono stati costretti a svalutare il valore degli immobili in portafoglio. Chi negli ultimi mesi ha puntato su Londra, scommettendo sulla permanenza nell'Unione europea, dovrà mettere in conto delle perdite, almeno nel breve termine. Ma l'esito della consultazione apre opportunità interessanti per gli investitori tattici che, disponendo di liquidità sufficiente, potrebbero approfittare del recente calo delle quotazioni e di una minore competizione tra gli investitori, per un'incursione nel mattone britannico. Tra i privati, invece, prevarrà verosimilmente la cautela: c’è il rischio che il mercato inglese nel breve medio-periodo soffra, di un eccesso di offerta in diversi settori. Le aspettative sono di 70-100 mila addetti in meno nel settore finanziario, con conseguente calo della domanda di uffici.

 

Questi numeri potrebbero portare anche migliaia di dipendenti del settore finanziario, proprietari di case a Londra, a decidere di mettere in vendita i propri immobili per rilocalizzarsi nell’Europa continentale. Dall'altro lato della medaglia, però, il calo della domanda di uffici a Londra dovrebbe andare a vantaggio delle altre metropoli europee, dove si concentra la quota maggiore di investimenti: soprattutto Parigi e Berlino e, in seconda battuta, Paesi scandinavi, Spagna e Italia. In questo contesto, secondo gli esperti, Milano si candida ad essere tra i potenziali beneficiari del mutato scenario.

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:
  • Destinazione design
    06/07/2016 Destinazione design Fino al 12 settembre la XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano animerà il capoluogo lombardo, offrendo una nuova mappa del design.
  • Superlusso con scultura
    06/07/2016 Superlusso con scultura Godersi il sole sul lettino di una piscina con vista sull’Oceano Atlantico in un condominio superlusso a Miami? Niente male. Ma se tra una bracciata e l’altra si possono ammirare opere di uno dei più quotati artisti viventi, allora si può sconfinare nell’ “irresistibile”.
  • Passaggio generazionale. Come orientarsi tra gli strumenti disponibili
    06/07/2016 Passaggio generazionale. Come orientarsi tra gli strumenti disponibili Ogni anno 80 mila imprenditori italiani sono coinvolti nel passaggio generazionale, secondo le stime.
  • Fintech, al servizio del consulente
    06/07/2016 Fintech, al servizio del consulente La personalizzazione del servizio passa dai consulenti "umani". Ma senza innovazione tecnologica difficile raggiungere i "millennials"
  • Brexit… e ora ?
    06/07/2016 Brexit… e ora ? I mercati sono stati colti di sorpresa dall'esito del Referendum. Fondamentali saranno le decisioni delle banche centrali e dei leader politici del Vecchio Continente. Ma iniziano ad emergere importanti elementi tranquillizzanti, che rasserenano l’orizzonte futuro.
  • La nuova newsletter del Private Banking MPS
    06/07/2016 La nuova newsletter del Private Banking MPS Eugenio Periti, responsabile dell’area private banking, racconta il nuovo progetto di comunicazione della banca: uno strumento disegnato per migliorare il dialogo con i clienti e condividere i contenuti esclusivi realizzati.
  • Cresce l’interesse per il mondo dell’Art Advisory
    06/07/2016 Cresce l’interesse per il mondo dell’Art Advisory Il mercato dell’arte negli ultimi anni ha visto un aumento esponenziale del numero di appassionati e collezionisti.  Allo stesso tempo, questi oggetti sono entrati a pieno titolo tra i principali asset alternativi di investimento.

PENSATI PER TE:

ISCRIVITI

Iscriviti qui alle newsletter, inserendo il tuo indirizzo e-mail: