Investimenti, opportunità dai bond cinesi

Norman Villamin (UBP): “L'incertezza sulle elezioni USA, la Brexit e l’evolvere della pandemia potrebbero portare a una volatilità nel breve termine e fino alla fine anno”
23/10/2020 | Daniele Riosa

“Nell’obbligazionario, abbiamo rotato dalle obbligazioni investment grade statunitensi ai titoli di stato cinesi”. Come spiega Norman Villamin, cio wealth management di Union Bancaire Privée (UBP), “i titoli di Stato cinesi offrono rendimenti interessanti per gli investitori orientati al reddito, soprattutto in considerazione della prospettiva di un ulteriore allentamento della politica monetaria e di un previsto rafforzamento dello yuan cinese”.

“Gli spread creditizi – sottolinea l’esperto - si sono ampliati in modo marginale a settembre per la prima volta dopo i minimi toccati a marzo a seguito del lock-down, ma sono stati relativamente resistenti rispetto al più consistente sell-down delle azioni USA. Il sostegno diretto delle banche centrali e la riduzione del rischio di rifinanziamento dopo il nuovo record di emissioni del primo semestre hanno contribuito alla sovraperformance. L'andamento del rating del credito si è differenziato tra segmenti e regioni, ma nel terzo trimestre sono migliorati i downgrade ratio (la percentuale di declassamenti sul totale delle azioni di rating)”.

Nello spazio dell’alto rendimento, “l'andamento dei rating è incoraggiante e punta verso un forte rallentamento del deterioramento del credito negli Stati Uniti e in Europa rispetto al secondo trimestre. Proseguiamo a rimodulare la nostra esposizione al reddito fisso, dove continuiamo a cercare protezioni contro il profilo di rischio-rendimento asimmetrico negativo che si riscontra in tutto lo spazio obbligazionario a basso rischio. Con il premium di rendimento delle obbligazioni cinesi a 10 anni (CGB) vicino al massimo storico rispetto ai Treasury a 10 anni, ci aspettiamo che questo differenziale di rendimento più probabilmente si restringerà invece che allargarsi o, in alternativa, che lo yuan cinese possa rafforzarsi, a vantaggio degli investitori cinesi in titoli di Stato. Inoltre, la PBoC resta una delle poche tra le grandi banche centrali che ha ancora spazio di manovra per tagliare i tassi se il rallentamento dell'economia globale dovesse durare più a lungo del previsto. Le obbligazioni governative cinesi offrono profili di rischio-rendimento più simmetrici rispetto ai profili asimmetrici offerti dai titoli di Stato occidentali, oltre al carry premium”.

“Queste posizioni – continua il manager - incrementano la diversificazione della nostra esposizione al credito investment grade verso il credito asiatico investment grade. Con i rendimenti del credito asiatico che toccano i massimi storici rispetto alle controparti statunitensi, in combinazione con la ripresa economica più solida che si sta verificando in Cina, il motore economico dell'Asia, l’investment grade asiatico offre ancora una volta, sia la diversificazione, sia il carry, così come profili di rischio-rendimento più interessanti per gli investitori guardando al 2021. Sul fronte delle obbligazioni più rischiose, continuiamo a credere che i titoli ibridi delle banche europee offrano un profilo di rischio-rendimento attraente per gli investitori nel reddito fisso con una maggiore propensione al rischio”.

 “Offrendo premi di rendimento alle obbligazioni corporate ad alto rendimento, i titoli ibridi bancari si collocano più in alto nella struttura del capitale e del carry e riteniamo che il sostegno implicito della BCE alla luce dell'importanza del sistema bancario garantirà la crescita del credito nelle economie europee”, conclude Villamin.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.