FarePresto! porta di nuovo Enasarco in tribunale

La lista sostenuta da Anasf spiega che “il 3 agosto la commissione elettorale nominata dal vecchio cda ha beffato le direttive del ministero del Lavoro procedendo alla nomina di due consiglieri del proprio schieramento e di uno solo dei nostri”
06/08/2021 | Daniele Riosa

La bagarre in Enasarco non accenna a placarsi, nemmeno sotto il caldo agostano. FarePresto! è di nuovo sul piede di guerra. In una nota, la lista sostenuta da Anasf, ricorda che “lo scorso 3 agosto la commissione elettorale nominata dal vecchio consiglio d’amministrazione della Fondazione Enasarco ha beffato le direttive del ministero del Lavoro procedendo alla nomina di due consiglieri del proprio schieramento e di un solo consigliere della lista FarePresto!”.

“La coalizione FarePresto! - sottolinea il comunicato - ha ottenuto il 51% dei voti nel corso dell’ultima elezione ed il ministero del Lavoro aveva pertanto richiesto alla Fondazione di individuare una soluzione che riflettesse i pesi di rappresentanza emersi dal voto”.

“Le nostre liste, di fronte a questo nuovo abuso – conclude la nota - non potranno che ricorrere nuovamente all’autorità giudiziaria sia amministrativa che penale e, tale situazione irregolare ed illecita creatasi al vertice dell’Enasarco, rischia ancora di perdurare con tutte le gravi conseguenze sugli iscritti all’ente”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.