EFAMA, mercati: più trasparenza e maggiore qualità dei dati

L'associazione europea degli asset manager risponde alla Commissione europea sulla revisione del quadro normativo MiFID II e MiFIR
25/05/2020 | Greta Bisello

"Ribadiamo il nostro sostegno agli obiettivi generali del quadro MiFID II e MiFIR che, per la maggior parte, funziona come previsto. Chiediamo miglioramenti mirati come fornire maggiore flessibilità agli investitori professionali, aumentare la trasparenza del mercato imponendo la creazione di consolidated tape per tutti gli strumenti finanziari e per raggiungere maggiore qualità circa i dati e le questioni relative ai costi attraverso un'applicazione più rigorosa delle norme esistenti" così il direttore generale dell'EFAMA Tanguy van de Werve.

 

L'associazione europea ha risposto alle consultazioni della Commissione europea sulla revisione del quadro normativo MiFID II / MiFIR, dove ha delineato le sue raccomandazioni sulla protezione degli investitori e dei mercati dei capitali e delle infrastrutture.

In questa serie di domande e risposte viene chiesta maggiore flessibilità per gli investitori professionali e alle controparti qualificate. A questo tipo di investitori dovrebbe essere consentito di rinunciare a molti requisiti in materia di divulgazione dei costi e protezione degli investitori.

Sebbene l'EFAMA sia d'accordo con l'idea di "clienti semi-professionisti" (e l'intenzione di fornire la flessibilità necessaria per questi tipi di clienti), non ritiene che la creazione di una nuova categoria sia la strada giusta.

 

Secondo l'associazione i fondi di investimento alternativi al dettaglio dovrebbero automaticamente essere considerati strumenti finanziari non complessi che possono essere venduti come execution-only”.

L'EFAMA non è d'accordo con il divieto assoluto di incentivi in ​​quanto avrebbe conseguenze sostanziali e di vasta portata in termini di accesso globale alla consulenza in materia di investimenti per tutti i cittadini europei. Inoltre consiglia alla Commissione di eliminare l'alert del deprezzamento del 10% negli investimenti in quanto incoraggia comportamenti a breve termine, non fornisce valore aggiunto e aumenta i costi operativi per conformarsi a tale requisito. 

 


 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.