Fondi europei, a ottobre il reddito fisso sostiene la raccolta

Secondo i dati di Efama i fondi azionari hanno visto un forte calo dei flussi, sulla scia dell’aumento dei casi di Covd-19 e del ritorno delle misure di lockdown
23/12/2020 | Paola Sacerdote

A ottobre la recrudescenza della pandemia e le conseguenti nuove misure di lockdown adottate dai governi per contenere i contagi hanno spaventato gli investitori, che hanno evitato gli asset più rischiosi per rifugiarsi nei bond. E’ la fotografia che emerge dal report mensile di Efama, che analizza i flussi dell’industria europea dei fondi Ucits e dei fondi alternativi (AIF).

 

Scendendo nel dettaglio delle principali evidenze, la raccolta netta di fondi aperti e fondi alternativi si è attestata a 33 miliardi di euro, rispetto ai 32 miliardi di settembre 2020.

Gli organismi di investimento collettivo hanno registrato complessivamente afflussi netti per 31 miliardi di euro, rispetto ai 12 miliardi del mese precedente. Di questi, nei fondi di lungo termine si sono riversati 22 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 19 miliardi di settembre.

 

A livello di singole asset class i fondi azionari hanno registrato un calo importante della raccolta, che è scesa a soli 4 miliardi di euro rispetto ai 17 miliardi del mese precedente. Di converso, il bilancio è positivo per i fondi obbligazionari, che hanno visto afflussi netti pari a 16 miliardi di euro, rispetto ai 6 miliardi di settembre. Positivo anche il saldo per i fondi multi-asset, che dopo i deflussi pari a due miliardi nel mese di settembre, hanno chiuso ottobre con investimenti netti per lo stesso ammontare.

 

Dopo due mesi consecutivi con il segno meno, torna il segno più per la raccolta dei fondi monetari, che hanno registrato afflussi netti per 9 miliardi di euro, rispetto ai deflussi netti di 12 e 7 miliardi rispettivamente ad agosto e a settembre.

I fondi alternativi infine hanno registrato afflussi netti per 2 miliardi di euro, in calo rispetto ai 19 miliardi del mese precedente.

 

Secondo i dati di Efama, a fine ottobre gli asset totali dell’industria europea del risparmio gestito sono scesi dello 0,3% rispetto al mese precedente, attestandosi a 17.602 miliardi di euro.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.