Fondi monetari, a settembre deflussi record

Gli investitori europei hanno disinvestito 57 miliardi di euro, un primato assoluto mai registrato, a conferma della fiducia negli asset di rischio e del sentiment positivo verso i mercati. Il report mensile di Efama
23/11/2021 | Paola Sacerdote

I fondi di mercato monetario hanno registrato a settembre i maggiori deflussi mai osservati, e questo fornisce un’utile indicazione dell'attuale sentiment degli investitori, favorevole agli asset di rischio e della loro fiducia nei mercati dei capitali. E’ quanto rileva Efama nel consueto report mensile che analizza l’andamento dell’industria dei risparmio gestito europeo.

 

Entrando nel dettaglio delle principali evidenze del mese, complessivamente la raccolta complessiva di fondi aperti e fondi alternativi si è attestata a 9 miliardi di euro, in netto calo rispetto ai 53 miliardi registrati ad agosto. I fondi aperti hanno registrato deflussi pari a 3 miliardi, che segna una netta inversione di tendenza rispetto al mese precedente, nel quale i fondi Ucits avevano raccolto 72 miliardi. Andamento diametralmente opposto per i fondi alternativi, che a settembre invece hanno registrato afflussi per 13 miliardi di euro, contro deflussi pari a 19 miliardi ad agosto.

 

Nell’ambito dei fondi aperti di lungo termine, escludendo quindi i fondi di mercato monetario, la raccolta si è attestata a 54 miliardi di euro, rispetto ai 61 miliardi del mese precedente. Tra le singole categorie, nel mese a primeggiare sono stati i fondi multi asset, che hanno visto investimenti netti pari a 20 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 19 miliardi di agosto. Sul secondo gradino del podio si posizionano i fondi azionari con 19 miliardi di euro di afflussi netti, in  calo rispetto ai 22 miliardi del mese precedente, seguiti dai fondi obbligazionari,  che hanno raccolto 13 miliardi di euro, registrando anch’essi un calo rispetto al mese precedente, che aveva visto afflussi per 19 miliardi di euro.

 

Mese in profondo rosso infine per i fondi di mercato monetario, che come abbiamo visto hanno chiuso il mese peggiore mai registrato in termini di raccolta, con fuoriuscite pari a 57 miliardi di euro, rispetto ad afflussi per 11 miliardi ad agosto.

 

A fine settembre il patrimonio gestito complessivo dell’industria europea dei fondi aperti e fondi alternativi si è attestato a 20.837 miliardi di euro, in calo dell’1,2% rispetto al mese precedente.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.